QUANDO NASCE UNA MAMMA ...

Ciao,

oggi voglio inaugurare una rubrica speciale di questo blog dedicata alla serenità e al benessere di noi genitori.

Penso che genitori felici crescano figli felici, per questo motivo su questo e in altri articoli che verranno, voglio condividere con te alcuni suggerimenti su come diventare un genitore felice e consapevole e soprattutto su come vivere al meglio questo ruolo.

Partiamo dunque dall’inizio! Quando nasce un bambino con lui nascono anche una nuova mamma e un nuovo papà che, non avendo a disposizione nessun libretto delle istruzioni, proveranno a fare del loro meglio per accogliere la loro piccola creatura ed accompagnarla nel suo percorso di crescita.

 La nostra responsabilità però è grande: da questo momento in avanti saremo infatti gli esempi e i punti di riferimento più importanti per i nostri figli, proporremo loro un modo di essere, di porsi di fronte alla vita, che impareranno velocemente ad imitare e che crescendo entrerà a far parte della loro personalità.

Ricercare la serenità e il benessere dentro di noi è utile, dunque, non solo a farci vivere meglio ma anche a trasmettere ai nostri figli quell’atteggiamento e quella energia positiva che li aiuterà a crescere bene.

Ecco allora per iniziare i miei cinque consigli dedicati alle neomamme (ma non solo) per iniziare con il piede giusto questo, se pur impegnativo, splendido viaggio:

 1. Sii consapevole del tuo ruolo.

Abituarci ad essere genitori attenti e consapevoli, significa abituare la nostra mente a porsi delle domande.

Le domande infatti ci obbligano a fermarci, a riflettere e fare chiarezza su alcune questioni fondamentali, a ricercare informazioni piuttosto che procedere per tentativi ed errori.

Prova a fare questo semplice esercizio di consapevolezza ponendoti ad esempio queste domande:

  • Come è cambiata la mia vita con l’arrivo di un bambino?

  • Cosa sta succedendo a mio figlio in questa sua fase evolutiva? Cosa caratterizza questa su età? Che esperienze sta facendo?

  • Come mi sto comportando io come genitore?

  • Cosa devo sapere e imparare a fare di nuovo? Cosa è meglio evitare? Cosa posso migliorare? Su cosa mi voglio formare?

Le nostre risposte porteranno alla luce aspetti che spesso non consideriamo o sui quali non ci soffermiamo abbastanza. Ci consentiranno di definire i nostri obiettivi, stabilire le azioni da intraprendere e la direzione da seguire. Saremo dunque ogni giorno consapevoli di dove stiamo andando e di quale significato dare ai nostri sforzi.

 

2. Proteggi l’intimità della coppia.

Tenere distinti il ruolo di madre da quello di donna e compagna è fondamentale, così come continuare a dare valore allo stare insieme. Come fare? Prova a programmare nel mese, inserendoli come priorità, dei momenti da dedicare alla coppia, fai delle cose insieme al tuo compagno, regalatevi piccoli gesti o brevi messaggi che dimostrino il vostro affetto. Tenere vivo l’interesse per l’altro ci permette di stare bene, di non farci sopraffare dal nostro ruolo di genitori annullandoci come donne e partner.

 

3. Chiedi aiuto.

Le nostre risorse ed energie non sono illimitate ma noi donne, spesso prese da un “delirio di onnipotenza”, dalla mania di poter e dover fare tutto da sole, tendiamo a dimenticarlo. Impara a delegare, a chiedere aiuto a chi ci sta vicino, compreso il tuo compagno. Non viverlo come un segno i debolezza ma di consapevolezza che ognuna di noi, ogni tanto, ha bisogno di  fermarsi a fare un nuovo pieno di energia.

 

4. Concediti del tempo.

La nascita di un bambino richiede un grande sforzo di adattamento sia fisico che mentale. Serve tempo, per capire, provare, imparare e crescere in questo nuovo ruolo. Considerando, poi, che spesso, nella crescita di un figlio si alternano varie fasi, è importante ricordare che il periodo che stai attraversando, seppur duro, è comunque transitorio e con un po’ di pazienza anche il momento più difficile passerà.

 

5. Non dimenticarti di te stessa.

Soprattutto all’inizio cerca di non riempire i pochi spazi liberi che hai con altro lavoro. In questo periodo il tuo compito principale è quello di fare la mamma e basta! Cerca dunque di prenderti cura del tuo bambino ma anche di te stessa! Programma, inserendoli come priorità, nella giornata, nella settimana o nel mese,  dei momenti in cui riposare o fare cose piacevoli (un bagno caldo, la lettura di un buon libro, una passeggiata,…). Una mamma che dedica attenzioni a se stessa è una donna più felice ma anche una madre più serena, attenta e paziente.

 Se ti va puoi andare sul mio sito e scaricare gratuitamente la Happy Box Self-Care per imparare a dedicare del tempo a te stessa senza farti opprimere dai sensi in colpa!.

Cosa ne pensi di questi consigli? Ritieni possano essere utili? Li trovi fattibili? Fammelo sapere nei commenti qui sotto!

A presto!

Anna